10 motivi per cui gli uomini se la passano meglio delle donne.

  1.  Ciclo: gli uomini non hanno il ciclo, non sono posseduti mensilmente dal Dio delle Carogne nere, non hanno a che fare con gonfiori, dolori, nervosi, nevrosi, tristezze cosmiche, voglia incontrollabile di assaltare una pasticceria, assorbenti con ali, farfalle, imbuti, al gelsomino, piccoli, grandi, più piccoli, più grandi, invisibili, interni, esterni, mezzi interni e mezzi esterni, frasi tipo: “Sei isterica, hai le tue cose?”, “Sei acida, ti son venute?” , ruote, paracaduti e brufoli.
  2. Pipì: gli uomini, come gli animali, possono farla ovunque reggendosi stabilmente sulle gambe e tirando fuori solo il necessario. Le donne devono avere minimo quattro pareti intorno e un’amica fuori ad aspettare. Devono stare in equilibrio precario sulle gambe piegate, reggendo al contempo la borsa, spostando mutande e pantaloni/gonna, agguantando la carta igienica, se l’ambiente lo permette, altrimenti ravanando nella borsa in cerca di fazzoletti o salviette.
  3. Abbigliamento: quanto staranno comodi gli uomini? Quanto? Sì, certo, pagano pegno non avendo chissà quale varietà, ma gesùsanto volete mettere la figata di indossare SOLO mutande, pantaloni, camicia/maglia e scarpe BASSE?
    Le donne devono scegliere fin da quando aprono il cassetto delle mutande. Normale o perizoma? Perizoma o brasiliano? Brasiliano o culotte? Colorato, bianco, nero o carne? Pizzo o non pizzo? Cotone o seta? Per non parlare dei tacchi, che saranno anche belli ma se la natura delle donne fosse stata quella di indossare plateau e aghi di 12 cm, sarebbero nate con i piedi di Barbie.
  4. Fisico: gli uomini possono avere la pancetta, perché tanto è sexy, possono essere brizzolati, perché tanto è fascino, possono essere pelati, perché è il testosterone in abbondanza, possono essere pelosi, perché è il testosterone in abbondanza, possono essere stempiati, perché lo è anche Jude Law, possono non farsi la barba da 15 giorni, perché tanto è la moda hipster. Le donne hanno la prova costume che incombe, d’estate, e la remise en forme dopo le vacanze, d’inverno. Hanno la pelle delle braccia che batte il cinque ai mignoli, la pancia, le tette troppo grosse, troppo piccole, troppo alle caviglie, il culo che deve stare massimo in una ciotola per l’insalata ed essere duro come il pane di 4 giorni, la cellulite è una malattia che le piaghe d’Egitto, in confronto, erano un giochino divertente, lasciare mezzo pelo è peccato mortale e cosa siamo, australopitechi mangia banane? Il colore? Ogni 15 giorni, che è al bando anche l’idea di un capello bianco. Per carità di Dio le rughe, che va bene citare la Magnani “Lasciami tutte le rughe ci ho messo una vita a farmele” ma poi non scherziamo, sotto con la cazzuola e lo stucco.
  5. Cibo: gli uomini possono mangiare tutto, sempre. Fare i peggio pacciughi che “devono crescere”, anche a 80 anni. Le donne devono stare attente a tutto, sempre, che “devono dimagrire” anche nella cassa da morto. No carb, no milk, no grass, no ciocc, bere molta acqua ma non moltissima che poi fa stagno e ci mettiamo le rane, occhio alla linea, compra i biscotti linea, segui il programma linea, in linea con la dieta linea, più in linea più bella, linea allo studio tu-tu-tu-tu-tu.
  6. Mare: gli uomini possono lanciarsi in mare con la fionda, arrivarci con una catapulta, buttarsi da un aereo, a bomba, di testa, di piedi, di culo, in rovesciata o alla rovescia tanto, una volta riemersi, basterà loro quel classico colpo di testa netto, veloce e laterale per sistemarsi i capelli in una piega perfetta. Le donne? Le donne possono entrare in acqua come “Barbie sogno di sirena”, camminare con leggiadria nonostante i sassi taglienti sul fondo facciano chiamare a raccolta tutti i santi protettori dei bagnini, immergersi con lentezza e circospezione, che una volta tornate in superficie, avranno i capelli così tanto e così male appiccicati alla faccia che il tizio di Alien, in confronto, era un damerino con la riga di lato.
  7. Amore: se alla domanda “cos’hai?” l’uomo sente rispondersi “nulla”, pensa davvero che non ci sia nulla. Parimenti, alla frase “fai come vuoi, vai pure”, crede sul serio di poter uscire da solo. Semplicità, linearità, zero menate. Se la donna si sente rispondere “nulla”, cade in una spirale morbosa di investigazione psicologica per cui lo fa sedere su una chaise longue, lo ipnotizza e lo riporta all’età pre natale per accertarsi che effettivamente quel “nulla” voglia dire “nulla”. Allo stesso modo, se l’uomo le dice “fai come vuoi, esci pure”, la donna inaugurerà una tre giorni di approfondimento sul tema “Non fa storie QUINDI non gli frega nulla di me”.
  8. Ricariche e contratti telefonici: gli uomini usano il telefono per chiamate brevi in entrata e in uscita. Su whatsapp chattano il giusto e non arrivano mai alla fine del mese senza traffico. Le donne, tra i gruppi whatsapp a tre, quelli a quattro, quelli a sette, quelli per le uscite con le amiche, quelli per i regali, quelli con la famiglia, quelli per i matrimoni, quelli per i lavori, quelli delle mamme, quelli dei colleghi, quelli delle rimpatriate di classe, messenger dove beccare chi non usa whatsapp, facebook su cui dire a tiziacaia di guardare messenger, instagram per controllare i like alla borsa o alla colazione o al selfie o alla festa o alla foto di coppia,  le telefonate fiume per ascoltare le litigate d’amore delle amiche del cuore e le telefonate fiume per raccontare le proprie litigate d’amore alle amiche del cuore, dovrebbero farsi sparare dati e minuti direttamente in vena.
  9. Foto: gli uomini per farsi una foto, guardano l’obiettivo, sorridono e scattano. Le donne regolano la luce, calcolano l’angolo perfetto, definiscono la prospettiva migliore, scelgono il lato giusto, si mettono in posa, decidono tra labbra protese, sorriso a 45 denti, sorriso accennato, smorfia, linguaccia, occhiali si, occhiali no, scattano, guardano, urlano di disperazione, riscattano, ri-urlano, riscattano, piangono, si truccano, riscattano, scelgono, filtrano, ri-filtrano, ri-ri-rifltrano, postano. La legge dice che il tempo di questo procedimento viene moltiplicato per il numero di amiche presenti nella foto. Tra quella che viene bene anche con le testa sciolta nel microonde e quella che viene male anche truccata da un make-up artist getthelondonlook, ci sono tutte le altre che a turno devono rassegnarsi.
  10. Gioco: gli uomini non crescono mai del tutto, continuano a giocare per tutta la vita in un modo e con una filosofia di base che le donne, ad un certo punto, abbandonano e non riacchiappano più. Purtroppo. Le donne prendono tutto sul serio, a cominciare da sé stesse. Forse per forza, per necessità, per natura, per carattere, per condizione, per testa, per maturità. Giustamente, ingiustamente.

Non lo so. Ma so che io, questa cosa qui, ai maschi gliela invidio molto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...